Non può accedere alla liquidazione del patrimonio chi dispone di soli redditi da lavoro

TRIB. BERGAMO, SEZ. II, 09/11/2019 «Non può accedere alla procedura di liquidazione del patrimonio chi è titolare di soli redditi di lavoro ed, è per converso, privo di un patrimonio utilmente liquidabile. Non è, infatti, sostenibile un approccio tanto…

Continua a leggere →

Liquidazione del patrimonio: possibile riunire le procedure proposte dai componenti dello stesso nucleo familiare

TRIB. BERGAMO, SEZ. II, 26/09/2018 «La disciplina di cui alla L. 3/2012 ha quale scopo, tra gli altri, quello di porre rimedio al sovraindebitamento delle famiglie. Ne deriva che la mancata previsione, tra i soggetti che possono accedere alle procedure…

Continua a leggere →

Il mero deposito dell’istanza di accesso alla procedura di sovraindebitamento è irrilevante in sede esecutiva

TRIB. BARI, SEZ. II – ES. IMM., 18/05/2017 «La legge non istituisce alcun collegamento immediato e automatico tra il deposito dell’istanza ex L. 3/2012 e l’arresto (ovvero la temporanea improseguibilità) della procedura esecutiva, poiché le…

Continua a leggere →

L’impresa agricola accede all’accordo ed alla liquidazione ex L. 3/2012 anche se ente di diritto pubblico

TRIB. RAVENNA, 15/02/2017 «L’impresa agricola, anche costituita in forma di ente morale di diritto pubblico, può accedere sia all’accordo di composizione della crisi ex art. 7, comma 2 bis L. 3/2012, sia alla liquidazione del patrimonio pre…

Continua a leggere →

L’imprenditore agricolo può accedere alla liquidazione del patrimonio ex artt. 14 ter e ss. L. 3/2012

TRIB. LUCCA, 14/11/2016 «Sebbene l’art. 7, comma 2 bis, L. 3/2012 legittimi testualmente l’imprenditore agricolo a proporre ai creditori il solo accordo di composizione della crisi, deve ritenersi che tale imprenditore sia legittimato altre…

Continua a leggere →

Il consumatore-fideiussore di debiti d’impresa cui è estraneo è legittimato al piano ex L. 3/2012?

TRIB. ROVIGO, 13/12/2016 «A fronte di indirizzi giurisprudenziali e dottrinali che negano il riconoscimento della qualifica di consumatore al privato che assume una obbligazione fideiussoria, con eventuale garanzia reale, a favore di un terzo per un de…

Continua a leggere →

Il fideiussore di obbligazione “commerciale” non può proporre il piano del consumatore

TRIB. FOGGIA, SEZ. I, 23/07/2015 «Nel caso in cui il debitore che propone un piano del consumatore in sede di ricorso ex L. 3/2012 esponga una massa debitoria derivante da obblighi di garanzia assunti in favore di un terzo che svolgeva attività commerc…

Continua a leggere →

Il fideiussore – socio di società commerciale non può presentare il piano del consumatore

TRIB. CIV. TORINO, SEZ. VI, 07/08/2017 «Non può accedere al piano del consumatore il soggetto che abbia prestato fideiussione in favore di una società commerciale in cui era socio e tramite la quale egli svolgeva, dunque, attività imprenditoriale» (Mas…

Continua a leggere →

Il fideiussore per attività professionali o di impresa non è consumatore e non può proporre il relativo piano

TRIB. TREVISO, SEZ. II, 21/12/2016 «Il soggetto che abbia prestato fideiussione a garanzia di obbligazioni assunte da un terzo nel corso della propria attività professionale o d’impresa non è consumatore e non può proporre il relativo piano. Ciò …

Continua a leggere →

Il consumatore-imprenditore può proporre il relativo piano se non presenta debiti legati all’attività

CASS. CIV., SEZ. I, 01/02/2016, N. 1869 «La nozione di consumatore abilitato al relativo piano non ha riguardo in sé e per sé ad una persona priva, dal lato attivo, di relazioni d’impresa o professionali, invero compatibili se pregresse ovvero at…

Continua a leggere →

Trib. Treviso/3: gli IPAB non possono accedere al sovraindebitamento

TRIB. TREVISO, SEZ. II, 12/05/2016 «La L. 3/2012 non è applicabile agli enti pubblici (nella specie un IPAB) poiché con essa il legislatore ha inteso disciplinare situazioni di insolvenza civile non particolarmente complesse, riferibili ai cd debitori …

Continua a leggere →

Il libero professionista truffato dal consulente fiscale può proporre l’accordo di composizione

TRIB. NAPOLI, 30/03/2017 «Il libero professionista che abbia maturato una situazione di sovraindebitamento con l’Erario determinata dall’inaffidabilità del proprio consulente tributario può proporre l’accordo di composizione della cri…

Continua a leggere →

Il socio illimitatamente responsabile di società di persone può accedere al sovraindebitamento

TRIB. RIMINI, 09/03/2019 «Il debitore che intenda che ristrutturare debiti sia personali, sia relativi alla sua qualifica di socio illimitatamente responsabile di società in nome collettivo può accedere alla procedura di sovraindebitamento in quanto, n…

Continua a leggere →

Il socio illimitatamente responsabile non è imprenditore e può accedere al sovraindebitamento

TRIB. RIMINI, SEZ. II, 12/03/2018 «La qualità di socio illimitatamente responsabile di società passibile di fallimento – e dunque di soggetto a cui il fallimento andrebbe esteso ex art 147 l. f. – non esclude la accessibilità alle procedure di so…

Continua a leggere →

La fallibilità del socio illimitatamente responsabile non preclude l’accesso al sovraindebitamento

TRIB. PRATO, 16/11/2016 «La fallibilità per estensione del socio illimitatamente responsabile di società di persone (ex art. 147 l.f.) non preclude l’accesso alla procedura di sovraindebitamento» (Massima non ufficiale) FATTO Premesso che [la ric…

Continua a leggere →

Il socio accomandatario, in quanto fallibile in estensione, non può accedere al sovraindebitamento

TRIB. MILANO, SEZ. II, 18/08/2016 «Il socio accomandatario di una s.a.s. non può accedere alla procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento: ai sensi dell’art. 147 l. fall. Infatti, i soci illimitatamente responsabili falliscono in…

Continua a leggere →

L’influenza del nuovo codice della crisi di impresa sulla valutazione della meritevolezza nel sovraindebitamento

TRIB. ANCONA, SEZ. II, 09/09/2019 «In sede di applicazione della normativa di cui agli artt. 12 bis ss. L. 3/2012 e, in particolare, in sede di valutazione della meritevolezza del consumatore sovraindebitato, la giurisprudenza ha avuto un atteggiamento…

Continua a leggere →

Meritevolezza del consumatore sovraindebitato: rapporti con la valutazione del merito creditizio

TRIB. RIMINI, 01/03/2019 «A mente dell’art. 124 bis TUB, “prima della conclusione del contratto di credito, il finanziatore valuta il merito creditizio del consumatore sulla base di informazioni adeguate, se del caso fornite dal consumatore…

Continua a leggere →

Rapporti tra meritevolezza e valutazione del merito creditizio. Concetto dinamico di insolvenza

TRIB. NAPOLI NORD, SEZ. III, 21/12/2018 «Il consumatore sovraindebitato non può essere ritenuto in colpa per essersi rivolto ad un intermediario finanziario, titolare in quanto tale di un ufficio di diritto privato in base al combinato disposto degli a…

Continua a leggere →

Sussiste la meritevolezza se l’indebitamento deriva da obbligazioni assunte per aiutare un figlio nell’attività professionale

TRIB. BARI, SEZ. IV, 07/08/2017 «Sussiste la condizione della meritevolezza di cui all’art. 12 bis, 3° co., L. 3/2012 allorquando la situazione di sovraindebitamento non appaia determinata da colpa (quanto meno diretta) dei debitori istanti, aven…

Continua a leggere →

La sistematica omissione degli adempimenti fiscali esclude la meritevolezza del consumatore sovraindebitato

TRIB. COMO, SEZ. I, 07/11/2019 «Non può essere considerato incolpevole, per gli effetti di cui all’art. 12 bis, 3° co., L. 3/2012, il sovraindebitamento del consumatore che abbia omesso con continuità e per anni gli adempimenti fiscali, ed il con…

Continua a leggere →

Il rilievo (indiretto) della meritevolezza del debitore nell’accordo di composizione della crisi

TRIB. MILANO, SEZ. II, 18/11/2016 «La disciplina della composizione della crisi da sovraindebitamento, come parte della dottrina non ha mancato di evidenziare, appare essere in controtendenza rispetto alla scelte operate dal legislatore in materia di c…

Continua a leggere →

Il rilievo (indiretto) della meritevolezza del debitore nell’accordo di composizione della crisi

TRIB. MILANO, SEZ. II, 18/11/2016 «La disciplina della composizione della crisi da sovraindebitamento, come parte della dottrina non ha mancato di evidenziare, appare essere in controtendenza rispetto alla scelte operate dal legislatore in materia di c…

Continua a leggere →

Il dissesto causato da eventi imprevedibili non incide sulla meritevolezza del consumatore sovraindebitato

TRIB. NAPOLI, 11/01/2018 «Il requisito della meritevolezza del consumatore sovraindebitato sussiste allorquando emerga in giudizio che il dissesto sia dovuto ad una serie di eventi imprevedibile e documentata, quali le difficoltà di salute della ex mog…

Continua a leggere →

Meritevolezza del consumatore sovraindebitato: il rimborso dei finanziamenti non deve superare un terzo del reddito mensile

TRIB. UDINE, SEZ. II, 04/01/2017 «In generale, il consumatore “meritevole” di accedere alla procedura riservatagli è il soggetto che: a) confidando sull’entità disponibile di reddito e patrimonio, ha ritenuto – in modo ragionevo…

Continua a leggere →

Sovraindebitamento di socio illimitatamente responsabile: il Tribunale di Rimini lo ammette

Un’interessante recente decisione del Tribunale di Rimini (Trib. Rimini, Sez. II, 12/03/2018) ha decisamente optato, con una venatura motivazionale a parere di chi scrive del tutto condivisibile, per l’ammissione alla procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento ex L. 27/01/2012, n. 3 del socio di società in nome collettivo, in quanto tale fallibile in estensione ai sensi dell’art.… Leggi tutto »

Continua a leggere →